IMU Terreni Agricoli 2015: notizie definitive da Roma e istruzioni

20 ottobre 2015

Il capitolo IMU AGRICOLA, che tra giugno 2015 e oggi ha visto diverse proroghe in attesa delle decisioni a livello nazionale, è giunto a una conclusione: sono ESENTATI dal pagamento dell’IMU tutti i terreni di Valsamoggia posseduti e condotti da coltivatori diretti e da imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola. DEVE VERSARE l’IMU chi invece non è operatore agricolo professionale ma possiede a qualsiasi altro titolo terreni agricoli sul comune di Valsamoggia. A sostegno di queste categorie, il Comune ha un fondo per l'erogazione di CONTRIBUTI a sostegno e sviluppo dell'agricoltura montana.

Il capitolo IMU AGRICOLA, che tra giugno 2015 e oggi ha visto diverse proroghe in attesa delle decisioni a livello nazionale, è giunto a una conclusione “ma non a quella che ci aveva consegnato il documento approvato dalla Camera ei Deputati – dichiara il Sindaco Daniele Ruscigno –: il provvedimento a cui tenevamo e che avrebbe cancellato l’IMU sui terreni agricoli non solo per gli agricoltori professionali (per i quali è confermata l’esenzione) ma anche per tutte le altre categorie, è infatti saltato all’ultimo momento. Dopo una prima approvazione alla Camera e un parere favorevole del MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze), il provvedimento non è stato confermato. Per Valsamoggia questo si traduce in circa 300mila euro di risparmio per gli agricoltori professionali di Bazzano e Crespellano, e, per l’agricoltura “di montagna” che con queste ultime decisioni nazionali non avrebbe avuto gli stessi vantaggi, sono stati inseriti nel bilancio comunale alcune decine di migliaia di euro di incentivi di risorse proprie”. 

In sintesi:  

- sono ESENTATI dal pagamento dell’IMU tutti i terreni di Valsamoggia posseduti e condotti da coltivatori diretti e da imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola. L'esenzione si estende anche ai terreni posseduti e condotti da coltivatori diretti e da imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola nel caso di concessione degli stessi in comodato o in affitto a coltivatori diretti e a imprenditori agricoli professionali anch'essi iscritti nella previdenza agricola.

“Rispetto a prima della fusione – spiega Ruscigno – diventano esenti anche i terreni degli ex comuni di Bazzano e Crespellano con un vantaggio complessivo per questi agricoltori di circa 300.000 euro”.

- al contrario, DEVE VERSARE l’IMU chi non è operatore agricolo professionale ma possiede a qualsiasi altro titolo terreni agricoli sul comune di Valsamoggia. L'ACCONTO va versato entro il 30/10/2015 e il SALDO entro il 16/12/2015.

“A seguito del provvedimento ministeriale quindi, per queste categorie di operatori agricoli non professionali, l'IMU andrà versata anche dai territori degli ex comuni di Monteveglio, Castello di Serravalle e Savigno. Ma, a sostegno di queste categorie, il Comune di Valsamoggia ha stanziato a bilancio 2015 un fondo interamente costituito da risorse proprie, per l'erogazione di CONTRIBUTI a sostegno e sviluppo dell'agricoltura montana. Contributi che gli operatori agricoli non professionali proprietari di terreni ubicati in zone montane, potranno richiedere secondo modalità che verranno fornite entro il 15/11/2015”.

“Mi appello al Governo – conclude Ruscigno – affinché confermi nella manovra finanziaria in discussione proprio in questi giorni, l'eliminazione definitiva dell'IMU agricola per tutti dal 2016 in modo da lasciare importanti ulteriori risorse al mondo dell'agricoltura e si possa archiviare definitivamente questo tassa particolarmente iniqua a carico degli agricoltori che in un periodo non facile continuano ad investire nella qualità dei loro prodotti e contribuiscono in modo determinante alla cura del territorio, specie quello montano”.