Azioni HERA, Valsamoggia conferma: non vendiamo

008 2015170424 aprile 2015

Si è tenuto a Valsamoggia il Consiglio Comunale straordinario in seguito alla sospensione della settimana scorsa, chiesta dal Sindaco in accordo con i sindacati e votata dal consiglio, sui due punti che riguardavano l’Approvazione del contratto di sindacato di voto e di disciplina dei trasferimenti azionari fra i soci pubblici di HERA SPA periodo luglio2015-giugno2018 e il mantenimento della quota delle azioni del gruppo HERA di proprietà del Comune di Valsamoggia e la richiesta di un patto di secondo livello metropolitano fra gli azionisti pubblici. I due punti sono stati votati confermando che Valsamoggia manterrà la proprietà delle sue quote HERA.

Si è tenuto oggi a Valsamoggia il Consiglio Comunale straordinario in seguito alla sospensione della settimana scorsa, chiesta dal Sindaco in accordo con i sindacati e votata dal consiglio, sui due punti che riguardavano l’Approvazione del contratto di sindacato di voto e di disciplina dei trasferimenti azionari fra i soci pubblici di HERA SPA periodo luglio2015-giugno2018 e il mantenimento della quota delle azioni del gruppo HERA di proprietà del Comune di Valsamoggia e la richiesta di un patto di secondo livello metropolitano fra gli azionisti pubblici.

I due punti sono stati votati confermando che Valsamoggia manterrà la proprietà delle sue quote HERA.

“Sono sempre stato convinto della necessità di mantenere la maggioranza pubblica in Hera – ha dichiarato il Sindaco Daniele Ruscigno – e di avere un patto di secondo livello metropolitano. La mia amministrazione, ora prima azionista tra i soci minori, terrà fede all’accordo che ho firmato nei giorni scorsi con i principali sindacati, CGIL, CISL e UIL, che va nella direzione del mantenimento di una solida maggioranza pubblica delle azioni. Anche se di fatto già ora siamo sotto formalmente il 51% (infatti alcuni Comuni hanno bloccato volontariamente più azioni per mantenere quella quota) dovremo sollecitare i soci pubblici a mantenere le proprie azioni ed è in questa direzione che lavoreremo nelle prossime settimane anche in virtù dell'accordo siglato dal Presidente del Comitato di Sindacato Daniele Manca e dalle sigle sindacali, prima dell'approvazione finale del nuovo patto di sindaco che avrà decorrenza 1 luglio 2015”.

L’accordo, oltre a mettere nero su bianco che Valsamoggia nel corso del 2015 non avrebbe venduto azioni HERA e a impegnare il Comune a coinvolgere preventivamente i sindacati in caso di eventuale futura vendita, lo impegna ad adoperarsi nei confronti di altri soci affinché non venga messo in discussione il controllo pubblico della società almeno al 51%.

Amministrazione e sindacati concordano infine sul fatto che sia utile avviare un confronto in sede di Conferenza Metropolitana sulla Governance di Hera e sul suo piano industriale con l’obiettivo di rafforzarne il presidio territoriale e la qualità dei servizi ai cittadini.