Valsamoggia cancella la tassa sui passi carrai

005 2015310331 marzo 2015

L’amministrazione del Comune di Valsamoggia annuncia la cancellazione della tassa sui passi carrai alla quale contribuiva per oltre il 50% l’ex comune di Savigno.

Il provvedimento vale per tutte le strade comunali di Valsamoggia mentre quelle ex provinciali, non di competenza del Comune di Valsamoggia, mantengono il regime precedente.

 

“Sto ancora sorridendo alla notizia che Galeazzo Bignami vuole proporre un referendum per tornare al passato. Soprattutto alla luce di questi risultati: è di due giorni fa la notizia dell’IMU Agricola e di oggi quella dell’eliminazione della tassa sui passi carrai. Del nostro territorio non si è mai occupato e vorrei capire cosa lo spinge a fare certe dichiarazioni. Abbiamo avuto ieri sera il Consiglio Comunale e la consigliera di Forza Italia non ha accennato minimamente a questa iniziativa del suo partito”. Il Sindaco Daniele Ruscigno liquida con una battuta l’iniziativa di Bignami e, nel precisare che le spese NON sono cresciute e le tasse NON sono aumentate, ci tiene piuttosto a parlare dei risultati più recenti della fusione.

“Sabato scorso – dichiara – abbiamo annunciato un grossissimo risultato che riguarda l’Imu agricola (chi non pagava nulla continuerà a non pagare e la maggior parte degli agricoltori che prima pagavano, saranno esenti per un totale di 300mila euro, di cui 100mila derivanti dell’esenzione concessa ai beni strumentali, che rimangono all’agricoltura) e oggi annunciamo la cancellazione della tassa sui passi carrai alla quale contribuiva per oltre il 50% l’ex comune di Savigno. Mica poco – sottolinea Ruscigno –. Mentre tutti pensano ad alzare le tasse, o inventarsene di nuove, in Valsamoggia grazie alla fusione abbiamo deciso di abolire tutte le tasse sui passi carrai”.

Il provvedimento vale naturalmente per tutte le strade comunali di Valsamoggia mentre quelle ex provinciali, non di nostra competenza, mantengono il regime precedente.