Savigno

savignopanorama

 

Adagiato sulle rive del Samoggia, Savigno rappresenta una tappa obbligata per gli appassionati della buona cucina. Savigno è sinonimo di tartufo e più in generale di gastronomia d’eccellenza basata sulla qualità dei prodotti locali. “Città del Tartufo”, Savigno è considerata “Capitale regionale del Tartufo Bianco Pregiato dei Colli Bolognesi”. Savigno aderisce anche all’associazione nazionale “Città dei Sapori”, emanazione del Ministero dei Beni Culturali, che lega il prodotto tipico alla storia e alla cultura del territorio. I tartufai della zona, accompagnati dai fedeli cani, passano intere giornate a cavare il prezioso prodotto che arriva a imbandire le tavole delle trattorie e i negozi di gastronomia. Numerosi sono i ristoranti che propongono il prodotto nelle sue infinite versioni culinarie basate su antiche ricette gelosamente custodite. Sulla storica piazza, in occasione della Tartufesta, si possono trovare numerosi stand dove è possibile degustare e acquistare il prezioso tubero.

Non mancano altri motivi di interesse, a cominciare dal centro del paese. All’interno della piazza si trova la piccola ma particolare chiesa di San Matteo, sorta nel luogo dove fin dal ‘700 sorgeva l’oratorio di S. Matteo di Mercato di Savigno, così chiamato dall’antico nome del paese. Di fronte alla chiesa un obelisco di arenaria ricorda i moti del 15 agosto 1843, quando centinaia di patrioti mazziniani insorsero per la libertà dell’Italia dal dominio papale, sotto la guida dei fratelli Muratori.

Il territorio di Savigno regala al viaggiatore un armonioso panorama collinare, ricco di sentieri adatti non solo al trekking e al cicloturismo, ma anche alle escursioni culturali. Il territorio di questa valle è infatti una continua sorpresa con le sue pievi, gli oratori e gli antichi mulini ad acqua, tra questi, in località Rodiano, è il seicentesco Mulino del Dottore. Non bisogna infine dimenticare che tutta la zona era un tempo ricca di fortificazioni: merita una visita il piccolo nucleo di Vénola, dalle singolari case-torri edificate tra il XVI e il XVII secolo.

 

(fonte: Guida della Provincia di Bologna)

 

scopri di più

 

(foto di Gabriele Baldazzi)

 

Percorsi e itinerari collegati:

I borghi di Rodiano e Vedegheto

Chiese e oratori

A tavola

Antichi mulini

I moti di Savigno

Il petrolio di Savigno

I fatti delle Pradole

Personaggi noti