Cesare Lenzarini

Nacque nel 1896 a Crespellano. Socialista, passò nel 1921 al partito comunista; nello stesso anno fu eletto Consigliere nel comune di Crespellano. Subì persecuzioni e aggressioni da parte dei fascisti locali; alla fine del 1923 espatriò in Francia e risiedette a Parigi fino al 1925, quando tornò in Italia. Arrestato, scontò tre anni di confino a Lipari; appena liberato si rifugiò nuovamente in Francia dove proseguì la sua attività politica. Nonostante fosse stato espulso dalla Francia, vi rimase illegalmente, sotto false generalità; alla fine del 1936 si arruolò per combattere nella guerra civile spagnola e si unì in Aragona al gruppo Matteotti. Nell'aprile del 1937 passò alla Brigata Garibaldi, in qualità di Commissario Politico. Cadde nei pressi di Farete, vicino a Saragozza, il 28 agosto 1937.